Finanziamenti

--

 

ReteComuni, attraverso un accesso riservato, offre a tutti gli enti aderenti una selezione dei bandi di finanziamento di loro interesse, principalmente riferiti ai temi Agenda Digitale e Smart City. Il servizio* è relativo alle opportunità di finanziamento dell’Unione Europea o di altre fonti di finanziamento pubbliche o private. Tramite accesso riservato sarà resa disponibile una scheda sintetica riferita al singolo bando.

* Servizio a cura di EasyGov Solutions in collaborazione con GFINANCE

 


INFOBANDI* Ultimo aggiornamento: 16/10/2018

 

Riqualificazione impianti sportivi
La Regione Lombardia finanzia la riqualificazione degli impianti sportivi pubblici.
Il bando è rivolto agli enti locali proprietari, o titolari di diritto di superficie, di impianti sportivi presenti in Lombardia. Sono interessati pertanto tutti i Comuni, nonché le Province, le Comunità Montane e le Unioni di Comuni.
Gli interventi possono riguardare sia la realizzazione che la riqualificazione di impianti sportivi di proprietà pubblica (compresi gli spogliatoi, gli spazi per il pubblico e il primo soccorso).
Sono ammesse le spese relative a lavori, opere civili ed impiantistiche; le spese tecniche; l’acquisto di arredi ed attrezzature sportive; altre spese necessarie al progetto; l’IVA non recuperabile.
La Regione assegnerà ai progetti più meritevoli, valutati secondo una procedura a graduatoria, un contributo a fondo perduto fino a 150 mila euro.
Lo sportello per la presentazione delle domande resterà aperto fino al 19 ottobre 2018.

Riqualificazione impianti sportivi – bando Comuni con meno di 100 mila abitanti
La Regione Lombardia ha stanziato 3,1 milioni di euro per la riqualificazione e la valorizzazione degli impianti sportivi e il rinnovo delle attrezzature a favore dei Comuni con meno di 100 mila abitanti e delle Unioni dei Comuni.
L’intervento finanzia il recupero funzionale, la ristrutturazione, la manutenzione straordinaria, l’abbattimento delle barriere architettoniche, l’adeguamento sismico, l’efficientamento energetico, la messa a norma e la messa in sicurezza degli impianti.
Sono ammesse le spese riferite a lavori, opere civili ed impiantistiche, e le spese d progettazione, indagini, studi e analisi.
Può inoltre essere finanziato l’acquisto di porte per i campi di calcio, reti dei campi da tennis o pallavolo, canestri per il basket, ostacoli, materassi, ausili per lo svolgimento di attività sportiva per le persone con disabilità, nonché l’allestimento di spazi per il pubblico.
Il bando prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto fino all’80% delle spese ammissibili con un massimo di 500 mila euro per la riqualificazione degli impianti e di 50 mila euro per il rinnovo delle attrezzature.
Per la parte non coperta da contributo è inoltre possibile richiedere un finanziamento a tasso agevolato all’Istituto per il Credito Sportivo sull’iniziativa “Sport Missione Comune 2018”.
Le domande possono essere presentate a sportello dall’8 al 22 ottobre 2018.

Fondo Kyoto per le scuole
Resta aperto fino a dicembre lo sportello del Fondo Kyoto per le scuole eco efficienti.
L’intervento prevede la concessione di finanziamenti a tasso agevolato dello 0,25% per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico sugli immobili pubblici destinati all’istruzione di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido.
I progetti dovranno portare a un miglioramento di due classi del parametro di efficienza energetica dell’edificio in un arco temporale massimo di 3 anni.
Sono finanziabili gli interventi relativi ad attività di analisi, monitoraggio, audit e diagnosi energetica; la sostituzione di impianti; la riqualificazione energetica dell’edificio inclusi gli impianti e l’involucro.
Fino al 50% della somma richiesta potrà essere utilizzata anche per opere di adeguamento antisismico negli immobili.
Lo sportello per la presentazione delle domande resterà aperto fino al prossimo 31 dicembre.

Europa per i cittadini: pronte le scadenze per il 2019
Sono uscite le date per la presentazione delle candidature sul Programma Europa per i cittadini per l’anno 2019.
La partecipazione è aperta a tutte le pubbliche amministrazioni (città, Province e Regioni), nonché alle organizzazioni del non-profit e prevede la collaborazione fra più soggetti di differenti Paesi.
Il programma è strutturato su due assi: Memoria Europea, che si propone di sensibilizzare alla memoria e alla storia dell’Unione nonché di mantenere vivi i valori comuni su cui si fonda l’Ue, e Impegno Democratico e Partecipazione Civica che incoraggia invece la partecipazione democratica e civica dei cittadini (per le misure gemellaggi di città, reti tra città, progetti della società civile).
E’ possibile ad esempio finanziare parte dei costi sostenuti per il personale, viaggio e soggiorno, affitto di sale e tradizioni, attività di comunicazione degli eventi e di coordinamento.
Il Programma prevede la concessione di un contributo a fondo perduto da 25 mila euro a 150 mila euro a seconda delle tipologie di progetto.
Le scadenze per il 2019 sono così fissate:
 - Progetti relativi alla Memoria europea: 1 febbraio 2019;
 - Gemellaggio di città: 1 febbraio 2019 e 1 settembre 2019;
 - Reti di città: 1 marzo 2019 e 1 settembre 2019;
 - Progetti della società civile: 1 settembre 2019.

Spazio Alpino: lanciata la 4° call
Il Programma Spazio Alpino è finalizzato a promuovere progetti innovativi e lo scambio di best practices nel territorio delle Alpi e Prealpi.
Le domande devono essere presentate da almeno 4 partner provenienti da diversi Paesi, l’invito è rivolto sia alle imprese che agli enti pubblici, alle università e alle associazioni.
Il Programma finanzia ad esempio lo sviluppo di nuovi modelli e politiche innovative, la sperimentazione di servizi sociali, la promozione di strategie per il risparmio e l’efficienza energetica, l’implementazione di soluzioni per la mobilità sostenibile.
Sono interessati 7 Paesi: Austria, Francia, Germania, Italia, Liechtenstein, Slovenia e Svizzera. Per l’Italia sono coinvolte le regioni Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino-Alto Adige, Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria.
Particolarmente interessante il contributo: raggiunge fino al 100% dei costi ammessi per gli enti pubblici, e fino all’85% per i soggetti privati.
La procedura di valutazione avverrà in due fasi: l’invio di una prima manifestazione di interesse entro il prossimo 12 dicembre 2018, e l’invio successivo del progetto definitivo entro il 5 giugno 2019.

Smart Cities: in arrivo il bando UIA
E’ in uscita nel mese di ottobre il nuovo bando dell’iniziativa UIA “Urban Innovative Actions” dedicato a sostenere soluzioni innovative sul tema delle smart cities.
L’obiettivo è individuare e testare nuove soluzioni che affrontino problematiche relative allo sviluppo urbano sostenibile e che siano di rilevanza europea.
Il bando sarà focalizzato su 4 tematiche: transizione digitale, uso sostenibile della terra e soluzioni basate sulla natura, povertà urbana, sicurezza urbana.
L’invito è rivolto alle città metropolitane, alle città o periferie con una popolazione di almeno 50.000 abitanti, alle unioni di comuni, e alle associazioni che le rappresentano.
I progetti possono essere cofinanziati dall’Ue con un contributo fino all’80% delle spese ammesse.
La procedura di candidatura è al 100% priva di supporti cartacei e si svolge interamente attraverso una piattaforma elettronica. Le scadenze per il nuovo bando verranno pubblicate a breve sul sito http://www.uia-initiative.eu/en

Sport: contributi per gli impianti
Ci sono 8 milioni di euro per gli impianti sportivi pubblici. Il bando, che è in corso di pubblicazione, consentirà di finanziare la realizzazione o la riqualificazione di impianti sportivi di proprietà pubblica (compresi spogliatoi, spazi per il pubblico, primo soccorso).
Sono ammissibili a contributo le spese relative a lavori, opere civili ed impiantistiche; le spese tecniche; l’acquisto di arredi ed attrezzature sportive; altre spese necessarie al progetto; l’IVA non recuperabile.
L’intervento prevede la concessione di un contributo a fondo perduto fino a 150 mila euro per gli enti locali proprietari, o titolari di diritto di superficie, di impianti sportivi presenti sul territorio lombardo.
Le domande saranno valutate con procedura a graduatoria.

Incentivi per le piste da sci
La Regione Lombardia ha approvato i criteri per l’assegnazione di contributi a sostegno della gestione e dell’esercizio degli impianti di risalita e delle piste da sci innevate artificialmente nei comprensori sciistici lombardi.
Il contributo è determinato in percentuale sulle spese sostenute nella stagione sciistica 2017/2018 (dal 1 novembre 2017 al 30 aprile 2018) per consumi di energia elettrica, consumo del carburante per i mezzi utilizzati per la sistemazione e la battitura delle piste, l’approvvigionamento idrico per la produzione di neve programmata.
La pubblicazione del bando, con l’indicazione delle modalità di presentazione delle domande, è prevista entro la fine del mese di luglio.

Comuni: bando per la sicurezza dei ciclisti
Regione Lombardia cofinanzia, insieme al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, progetti mirati al miglioramento delle infrastrutture viarie e ciclistiche di competenza comunale.
Il bando è rivolto ai Comuni capoluogo, ai Comuni lombardi con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti, nonché ai raggruppamenti tra Comuni.
Sono oggetto di cofinanziamento la realizzazione di piste e percorsi ciclabili, attraversamenti semaforizzati, attraversamenti mediante sovrappassi o sottopassi destinati a ciclisti, messa in sicurezza, creazione di una rete di percorsi ciclabili protetti o con esclusione del traffico motorizzato.
Il bando prevede un cofinanziamento del 50%, per un massimo di 100.000 euro a valere sul fondo del MIT, e sino a 40.000 euro sul fondo di Regione Lombardia.
Le domande possono essere presentate dal 12 luglio 2018 al 14 settembre 2018.

 

Progetti di videosorveglianza
Regione Lombardia prevede, per il biennio 2018/19, un cofinanziamento a favore dei Comuni, per tutte le funzioni di polizia locale, per la realizzazione di un progetto di videosorveglianza. La dotazione disponibile ammonta a 3,6 milioni di euro.
Possono partecipare i Comuni singoli, gli Enti associati, le Comunità Montane/Unioni di Comuni, dotati di un corpo o di un servizio di polizia locale, in organico con contratto a tempo indeterminato.
Il bando prevede un contributo pari all’80% delle spese sostenute per la realizzazione di nuovi impianti, l’implementazione e la sostituzione di sistemi di videosorveglianza esistenti, nonché la realizzazione di impianti dotati esclusivamente di telecamere di rilevazione targhe.
La domanda di cofinanziamento deve essere presentata esclusivamente on line dall'11 giugno al 5 luglio 2018.

Bando Sport Missione in Comune
Il Bando Sport Missione in comune, promosso da Anci e Istituto Credito Sportivo, mette a disposizione 18 milioni di euro per il finanziamento di progetti di impiantistica sportiva.
L’intervento è rivolto ai Comuni, ai Piccoli Comuni e alle Unioni di Comuni.
I progetti possono riguardare la costruzione, l’ampliamento, il miglioramento, la ristrutturazione degli impianti sportivi (anche scolastici), interventi di efficientamento energetico, compresa l'acquisizione delle aree e degli immobili destinati all’attività sportiva, nonché l’acquisto di attrezzature
Rientrano fra le opere ammesse: campetti da calcio, tennis, pallacanestro, palestre, piscine, ma anche ippodromi, bocciodromi, piste da pattinaggio.
E’ prevista la concessione di mutui a tasso zero fino a 2 milioni di euro (fino a 6 milioni di euro per i Comuni oltre i 100.000 abitanti non capoluogo e le Città Metropolitane) con una durata massima di 25 anni.
Le domande dovranno essere presentate tramite PEC all’Istituto Credito Sportivo a partire dal 5 luglio 2018 e non oltre il 5 dicembre 2018.

Il Programma Cosme per il turismo
E’ aperta la nuova call del programma europeo Cosme finalizzato a promuovere la crescita competitiva e sostenibile nel settore del turismo. Il budget a disposizione è pari a 2 milioni di euro.
Il bando 2018 sostiene la promozione e lo sviluppo di prodotti turistici tematici transnazionali legati alle industrie culturali e creative.
Le proposte potranno riguardare: lo sviluppo di prodotti turistici tematici focalizzati su soluzioni innovative, quali app di realtà aumentata; la creazione di network di cooperazione transnazionale; la combinazione di servizi, prodotti e offerte personalizzate; l’elaborazione di offerte di nicchia.
Le domande devono essere presentate da un consorzio composto da 6 a 8 partner provenienti da 5 differenti Paesi. Nel partenariato devono esserci almeno 4 piccole e medie imprese (di cui 2 attive nel settore turistico), e un ente pubblico (locale, regionale o nazionale).
E’ previsto un cofinanziamento europeo fino a 400 mila euro per progetto nel limite del 75% dei costi ammessi.
La scadenza per l’invio delle proposte è fissata al 19 luglio.

Bando Comuni in pista: scadenza a dicembre
Chiude a dicembre il Bando “Comuni in pista” finalizzato ad incentivare gli investimenti per le piste ciclabili sul territorio nazionale.
La misura - promossa da Istituto per il Credito Sportivo (ICS), in collaborazione con Anci e Federciclismo - è aperta ai Comuni, alle Città metropolitane, alle Province e alle Unioni di Comuni.
L’ente pubblico potrà beneficiare di un finanziamento a tasso zero da 3 a 6 milioni di euro.
I progetti possono riguardare la realizzazione, l’ampliamento ed il miglioramento di piste ciclabili e ciclopedonali, con particolare attenzione alle proposte che incrementano gli standard di sicurezza e di rispetto dell’ambiente, nonché l’integrazione con la rete esistente.
Possono essere finanziate anche le strutture di supporto delle piste ciclabili, quali le ciclostazioni per la custodia e l’assistenza delle biciclette, servizi igienici, punti ristoro o di primo soccorso, postazioni con defibrillatore, aree sosta attrezzate, ripari e fontanelle d’acqua potabile, “percorsi vita” a per esercizi sportivi all’aperto.
Le domande potranno essere presentate all’indirizzo PEC icspisteciclabili@legalmail.it entro il 4 dicembre 2018.

Bando Life 2018
E’ stata pubblicata la call 2018 di Life, il programma europeo dedicato a promuovere lo sviluppo sostenibile e la tutela ambientale.
L’invito è rivolto in particolare alle imprese, alle amministrazioni pubbliche, agli enti e alle organizzazioni attive nel settore.
Da quest’anno cambiano le regole per la partecipazione al bando: la Commissione europea ha introdotto una doppia fase di candidatura delle proposte che permetterà di semplificare l’accesso ai fondi.
Per i progetti del Sottoprogramma Ambiente è previsto in fase iniziale solo l’invio di un concept note, basteranno 10 pagine per presentare la propria idea progettuale.
La valutazione delle domande si baserà su due criteri principali: la qualità globale della proposta e il valore aggiunto europeo complessivo.
Le scadenze della call 2018 differiscono in base alle diverse tipologie di intervento:

- per i progetti tradizionali invio del concept note entro il 12 giugno 2018 per proposte Ambiente ed uso efficiente delle risorse e Natura e Biodiversità, ed entro il 14 giugno 2018 per proposte Governance e Informazione;
- per i progetti tradizionali del Sottoprogramma Azione per il Clima invio in unica fase entro il 12 settembre 2018;
- per i progetti preparatori invio entro il 20 settembre 2018;
- per i progetti integrati invio del concept note entro il 5 settembre 2018;
- per i progetti di assistenza tecnica invio entro l’8 giugno 2018.

Cariplo: aperti i nuovi bandi

Sono stati pubblicati i primi bandi della Fondazione Cariplo per il 2018 nel settore arte e cultura, ambiente, sociale e ricerca scientifica, altri ne seguiranno nel corso dell’anno.
Ad essere interessati i Comuni, le altre amministrazioni pubbliche, nonché gli enti privati senza scopo di lucro. I progetti possono essere realizzati in Lombardia e nelle province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola.
Da quest’anno è previsto un limite alla concessione di contributi superiori ai 30 mila euro per più di due anni consecutivi ed è stata introdotta una regola di immediata cantierabilità, con inizio dei lavori previsto entro sei mesi.
Per partecipare è necessario presentare domanda alla Fondazione Cariplo secondo le scadenze e le modalità fissate dai singoli interventi.
L’elenco completo dei bandi aperti è disponibile al link QUI .

Novità per il Programma Life

Sarà pubblicato ad aprile il nuovo bando del Programma Life, annunciate importanti novità per i partecipanti.
Da quest’anno è stata introdotta una doppia fase di candidatura per i progetti tradizionali del sottoprogramma Ambiente. Inizialmente verrà richiesto solo l’invio di un concept note, basteranno 10 pagine per presentare l’idea progettuale.
La valutazione delle domande si baserà su due criteri principali: la qualità globale della proposta (in termini di chiarezza, fattibilità e sul rapporto indicativo costi/benefici), e sul valore aggiunto europeo complessivo (in termini di impatto atteso e sostenibilità dei risultati).
Il programma di lavoro pluriennale LIFE per il periodo 2018-2020 ridefinisce inoltre i temi di intervento relativi al sottoprogramma Ambiente, portandoli da 87 a 42.
La procedura per il sottoprogramma Azione per il Clima rimarrà invece invariata.
Sarà inoltre rafforzato l'orientamento ai risultati attraverso l'introduzione dell'obbligo di produrre effetti misurabili sull'ambiente o sui cambiamenti climatici in tutti i settori prioritari.
Il Programma Life permetterà di finanziare la realizzazione di progetti con ricadute positive sull’ambiente, ad esempio con riferimento ai temi della gestione idrica, dell’economia circolare, dell’efficienza delle risorse, della mitigazione dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento.
L’invito è rivolto in particolare alle amministrazioni pubbliche, alle imprese, agli enti e alle organizzazioni attive nel settore.
Le scadenze per la presentazione delle domande sono fissate rispettivamente entro il 12 giugno per la fase 1, ed entro gennaio 2019 per la fase 2.

Da Moves 16 milioni per la mobilità elettrica
L’Assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile della Lombardia ha annunciato lo stanziamento di 16 milioni di euro per un nuovo intervento sulla mobilità elettrica. L’obiettivo è favorire la riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambito dei trasporti e contribuire in maniera concreta a migliorare la qualità dell’aria in ambiente urbano (PM10, NOx).
Il bando, rinominato Moves, sarà rivolto ai Comuni capoluogo di Provincia, Comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti e rientranti nel territorio della Città metropolitana di Milano.
E’ previsto un contributo a fondo perduto pari al 100% del costo totale ammissibile del progetto, con un massimo di 3 milioni di euro, elevato a 5 milioni in caso di proposta progettuale presentata da un’aggregazione di Comuni.
L’attuazione del bando è subordinata al parere positivo della Commissione Europea, pertanto la pubblicazione è prevista per i primi mesi del 2018.

Bando impianti sportivi: domande fino a dicembre
E’ stato prorogato al 4 dicembre il termine per la presentazione delle domande sul Bando Sport Missione in comune promosso da Anci e Istituto Credito Sportivo.
L’intervento è rivolto ai Comuni, ai Piccoli Comuni e alle Unioni di Comuni.
I progetti possono riguardare la costruzione, l’ampliamento, il miglioramento, la ristrutturazione degli impianti sportivi (anche scolastici), interventi di efficientamento energetico, nonché l’acquisto di attrezzature e la realizzazione di piste ciclabili.
Rientrano fra le opere ammesse: campetti da calcio, tennis, pallacanestro, palestre, piscine, ma anche ippodromi, bocciodromi, piste da pattinaggio.
E’ prevista la concessione di mutui a tasso zero fino a 2 milioni di euro, con una durata massima di 15 anni.
Le domande dovranno essere presentate per PEC all’Istituto Credito Sportivo.

Pubblicata la call di ERASMUS+
E’ pronto il calendario delle call 2018 del Programma Erasmus + dedicato a sostenere i settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport.
Il bilancio totale destinato all’invito è stimato in 2,4 miliardi di euro:
– 2,2 miliardi di euro per il settore istruzione e formazione, ,
– 188 milioni di euro per gioventù,
– 12,1 milioni di euro per le azioni Jean Monnet,
– ed infine 37,4 milioni di euro per il sostegno a partenariati ed eventi sportivi.
Può candidarsi per richiedere un finanziamento qualsiasi organismo, pubblico o privato, attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport e residente in uno dei Paesi aderenti. I principali beneficiari del Programma sono invece le persone – studenti, tirocinanti, apprendisti, alunni, discenti adulti, giovani, volontari, professori, insegnanti, formatori, animatori giovanili, professionisti di organizzazioni attive nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù.
Sono previste differenti tipologie di azioni, quali progetti di mobilità e scambio internazionale, alleanze e partenariati strategici, eventi.
Sono fissate più scadenze a seconda delle sottomisure attivate.

Horizon 2020: le scadenze per il 2018
Sono state pubblicate le nuove call del programma Horizon 2020, il principale strumento finanziario con il quale l’Unione europea sostiene e promuove la ricerca e l’innovazione, non solo in campo scientifico ma anche industriale. A disposizione per il prossimo triennio vi sono ben 30 miliardi di euro.
Per il futuro l’Ue intende aumentare l’impatto del programma concentrandosi su un numero minore di temi, sebbene più sensibili, quali la migrazione, la sicurezza, il clima, l’energia pulita e l’economia digitale.
Possono partecipare ai bandi tutti i soggetti giuridici, quali enti pubblici, imprese, università e centri di ricerca, persone fisiche, stabiliti negli Stati membri dell’UE, nei Paesi Associati e nei Paesi Terzi.
Generalmente è richiesta la creazione di un partenariato fra almeno tre soggetti giuridici provenienti da altrettanti diversi Paesi.
Il finanziamento può assumere una o più forme previste ed in particolare sovvenzioni (contributi a fondo perduto), premi, appalti e strumenti finanziari.
Le sovvenzioni nell’ambito di Horizon 2020 possono raggiungere al massimo il 100% dei costi ammissibili totali per progetti di ricerca e innovazione.

Azioni urbane innovative: anticipazioni
L’iniziativa UIA “Urban Innovative Actions” si propone di individuare e testare nuove soluzioni che affrontino problematiche relative allo sviluppo urbano sostenibile e che siano di rilevanza europea.
Possono presentare domanda le città metropolitane, le città o periferie con una popolazione di almeno 50.000 abitanti, le unioni di comuni, e le associazioni che le rappresentano.
Il terzo bando UIA verterà su 4 argomenti: qualità dell’aria, adattamento ai cambiamenti climatici, housing, lavori e abilità nell’economia locale.
Per il quarto invito, previsto per il 2018, sono stati individuati al momento 5 temi: transizione digitale, uso sostenibile della terra e soluzioni basate sulla natura, povertà urbana, economia circolare, oppure mobilità urbana. I progetti possono essere cofinanziati dall’Ue con un contributo fino all’80% delle spese ammesse.

 

 

Calendario Eventi

Partner ReteComuni

Affari Regionali polimi anutel avvisopubblico Fondazione Cariplo Banda degli Onesti